Categoria: live+cena

VALERIO SANZOTTA



VALERIO SANZOTTA è un cantautore e filologo romano, che vive tra Roma e Innsbruck: è ricercatore di latino moderno presso l’Università di Innsbruck e docente a contratto di filologia italiana presso la
“Sapienza” Università di Roma.

Nel 2018 ha pubblicato con VREC/Davverocomunicazione il suo secondo lavoro “Prometeo Liberato” a 10 anni esatti dalla sua partecipazione a Sanremo 2008 con brano Novecento (EMI music) che dava anche il titolo al suo disco d’esordio. Nel 2020 è uscito il suo terzo album, dal titolo Naked (oltre lo specchio), anticipato dal singolo It’s Sunday in this mirror, realizzato con Diana Tejera in occasione della Giornata internazionale contro la violenza sulle donne.

Naked vede anche la partecipazione straordinaria di Giulio Casale, alla cui voce è affidata la lettura di una poesia a conclusione dell’album. I tre lavori di Valerio, e in particolare i due più recenti, contano numerosissime recensioni sulle riviste specializzate, cartacee e sul web, così come moltissime sono le interviste che Valerio ha realizzato nel corso degli ultimi anni (tutte reperibili sui canali social dell’artista). L’artista si esibisce regolarmente da solo o in quartetto, composto da Valerio stesso e da Fernando Pantini alle chitarre, da Fabrizio Fratepietro alla batteria e da Pietro Casadei al basso. Il suo quarto album è in uscita per il 2024 con la produzione di Marco Olivotto.

Oltre all’attività di musicista, Valerio ha pubblicato, alla fine del 2021, una raccolta poetica dal titolo Infinito sereno autunnale, apparsa sulla prestigiosa rivista PioggiaObliqua.





HOLY SHIRE



La passione per il mondo fantasy e l’imprescindibile necessità di esprimersi attraverso la musica ha fatto nascere nel 2009 gli HOLY SHiRE, da un’idea di Maxx (batterista) alla quale ha subito aderito Aeon (dragon vocals), entrambi parte di un precedente progetto di inediti di fine anni ’90.

Il concept artistico si basa sulla commistione di differenti generi musicali che spaziano
dal metal melodico epico alle suggestioni celtiche e folk, passando da influenze power e
prog, arricchito dal gusto per la musica cinematografica e per le colonne sonore. Testi e
musica raccontano storie fantastiche, con omaggi assidui al mondo tolkeniano, ma anche
qualche spunto legato a leggende o al fascino di vicende storiche antiche, per portare
l’ascoltatore in un mondo lontano dalla realtà, in un viaggio sensoriale suggestivo e
magico.

La formazione è più volte cambiata negli anni e attorno ai fondatori si sono avvicendati
vari musicisti e cantanti, ma la caratteristica permanente della band è avere due voci
femminili con differenti stili vocali e un flauto traverso nella line up, oltre alla classica
formazione metal.

L’ auto-produzione musicale ha dato la luce ad un iniziale demo, seguito da un digital EP e due album “Midgard” (Bakerteam Records, 2014) e “The Legendary Shepherds of the Forest” (Heavy Metal Records, 2018), portati live in innumerevoli show in locali rock/metal e festival a tema. Il 2023 è l’anno del ritorno in studio per la registrazione del terzo album con 10 nuove canzoni.





EKYNOXX



Gli EkynoxX sono una band elettropop nata nel 2014 sotto l’impulso di Claude Lemoine, storico produttore dei Rockets, il famoso gruppo francese degli anni 70/80. Il loro primo album, “Retrofuture”, esce nel 2017 e li porta a esibirsi in vari live in Italia, oltre che ad essere ospiti a Sanremo Rock.

Nel 2020 pubblicano il loro secondo album, “Gravità Zero”, interamente cantato in italiano, con un sound più pop e accattivante per il grande pubblico. Nel 2023 lanciano due singoli, “Slave System Machine” e “Blue Monday”, che confermano la loro identità musicale futurista e originale. La band è formata da Frank Rossano, fondatore e synth, Alice Castagnoli, voce, Enrico Tavernini, produttore di Ingra Records, e Divio di Agostino, produttore e chitarrista synth.

LIVE SHOW: Lo show è coadiuvato da VISUAL in proiezione in un mega screen posto sul retro del palco, con video a tema ed immagini suggestive e psichedeliche. La band è composta da un tecnico coordinatore sound engineering, due tastieristi synth e cantante ,I costumi sono curati e forniti dalla stilista russa Eva Lava, tutti in stile “futurista post atomic”. Per dare un’idea dello stile del progetto, possiamo dire che costumi, musica e scenografie, si avvicinano molto alle atmosfere del Film di Ridley Scott “Blade Runner”.

EKYNOXX





ROBERTO BILLI




ROBERTO BILLI è un cantautore folk rock.
È stato il fondatore e voce storica de “I ratti della Sabina” per cui ha composto la maggior parte dei brani che hanno caratterizzato il successo della band come “Il funambolo”, “La tarantella del serpente”, “Lo scemo del villaggio”, “La morale dei briganti”, “Circobirò” e tanti altri.
Dal 2010, anno in cui si è interrotta l’attività della band, ha intrapreso la strada solista ma sempre con una band al seguito, realizzando lungo il percorso tre dischi “Diario di un equilibrista”, “Modernamente démodé” e “Perle d’insaggezza”. Grazie a questi lavori ha messo in scena centinaia di concerti in tutta Italia e diversi spettacoli di teatro canzone. E’ presente su tutti i Social e le sue canzoni possono essere ascoltate su tutte le più conosciute piattaforme di download e streaming. Attualmente sta presentando in giro per l’Italia il suo nuovo disco “Come un’isola” insieme ai suoi inseparabili musicisti.

Roberto Billi: voce, chitarra acustica, armonica e flauto traverso

Antonello D’Angeli: cori e chitarra acustica

Giorgio De Toma: violino

Giovanni Di Folco: fisarmonica

Manlio Torroni: chitarre e banjo

Giulio Scipioni: chitarre e mandolino

Giacomo Chiaretti: basso elettrico

Enrico Brunori: batteria e percussioni





KINGS OF SUBHUMANS




I KOS – KINGS OF SUBHUMANS sono un alternative power rock duo indipendente di Roma. Nati nel 2015 dall’incontro musicale tra MARK JORDAN MENDAX (voci, chitarre e parole) e ANGELO PALMA (batterista e produttore) entrambi provenienti da diverse esperienze (Neurotika, Biorn, Bless the Donkey) iniziano a suonare le canzoni che avrebbero dato corpo e vita al loro primo album PLASTIC SINNER, realizzato nel 2017.

PLASTIC SINNER è stato registrato nel 2016 da ALESSANDRO GAVAZZI nel suo Hell Smell Studio” di Acilia (Roma). L’album è stato accompagnato dall’uscita di due videoclip, WHO SHOT THE RABBIT? (SPREAD YOUR LOVE) realizzato da Giacomo Spaconi e PLASTIC SINNER girato da Alessandro Rosa con l’editing di Giacomo Spaconi e Claudia Nanni. Sia per le sessioni di registrazione sia per le performances live di PLASTIC SINNER i KOS si sono avvalsi della collaborazione del bassista GIACOMO NARDELLI per poi decidere di proseguire con la formazione a due.





TIAMO



POESIA è il titolo del nuovo singolo di TIAMO, nome d’arte di Lucia Alli, cantautrice milanese. Una poesia che nasce e cresce in nome di una rinascita e di un messaggio positivo, che TIAMO vuole diffondere prima di tutto per se stessa e poi per chi avrà voglia di ascoltarla.

Il brano, scritto e prodotto da TIAMO, GIORGIO GIARGIA e PLETTRO, è accompagnato da un video particolarmente scenografico, in cui la cantante è in primissimo piano, come in un’affermazione di personalità, decisa e incontrovertibile.

“Poesia nasce da un momento di crisi. Mi ero persa in un mare di opinioni distruttive di persone misere. Non mi rendevo conto che quello che sembrava un oceano era in realtà un bicchiere d’acqua e potevo bermelo. La canzone vuole essere un messaggio per tutti quelli che smettono di ascoltarsi e danno troppo peso alle parole altrui. Il messaggio è: credi in te e fuck the rest.

Il video è stato girato in Inghilterra, nelle Yorkshire Moors. Ero a Manchester con il mio team, sono passata di fronte a questo spettacolo di natura e cielo. Stavamo ascoltando Blanco e siamo scesi dall’auto per ballare controvento. Il momento e la luce erano perfetti. Non era in programma ma è stato tutto così spontaneo. In un attimo stavamo cantando Poesia a squarciagola”

– o –

TIAMO è il nome scelto da LUCIA ALLI per il suo progetto, dopo anni di studio di canto e musica. Il nome richiama le parole italiane più famose al mondo, andando a sottolineare i connotati fortemente pop che questo progetto vuole avere.





GIOBBE

GIOBBE
GIOBBE
GIOBBE
GIOBBE



Nato a Napoli e cresciuto a Capua, in provincia di Caserta. A casa si ascoltava tanto i Beatles e tanta musica internazionale, oltre a Pino Daniele ed altri cantautori italiani, quelli con le belle melodie. Nel 2000 inizia a suonare con “Sir Psycho Sexy”, in seguito diventati gli “Sleeping Beauty”, che per quasi una decade auto producono i propri dischi facendo concerti in giro e fondo cassa per tale scopo. Gli Sleeping Beauty fanno tanti concerti, tantissime prove in sala, tanta ricerca, partecipando anche a festival di rilievo ed aprendo concerti a gruppi come Meganoidi, Giardini di Mirò, A Toys Orchestra ed altri. Sciolti gli Sleeping, inizia con “The Disappearing One”, altra band che suona tantissimo, auto producendo tutti i propri dischi ed aprendo concerti di gruppi come Perturbazione, The Niro (con cui poi si realizzò un duetto nell’ultimo disco), Benvegnù, Malfunk, Plan De Fuga e molti altri. Nel 2015 il primo lavoro da solista e a suo nome, ovvero GIOBBE, dal titolo “About Places”, coprodotto con la “I Make Records”, etichetta indipendente di Francesco Tedesco. Il secondo disco esce nel 2018 e si chiama “Beneath the Looming Blanket”, anche questo coprodotto con la “I Make Records”. Poi arriva la pandemia, si ferma tutto. GIOBBE stava già scrivendo le canzoni per il nuovo disco ed aveva già in mente il titolo: “Gentle Dwellings”. Con gli amici musicisti, gli stessi che poi avrebbero registrato il disco una volta usciti dai vari lockdown, si sono scambiati file a distanza, ognuno registrando le proprie idee dal sicuro delle rispettive “dimore gentili”.

GIOBBE si propone dal vivo accompagnato da Marco Normando al basso (Malmo, The Disappearing One, Danjlo), Andrea Freschi alla chitarra (The Disappearing One), Vincenzo de Lucia alla chitarra (Malmo, The Disappearing One, Danjlo) ed Andrea Gallicola alla batteria (The Disappearing One). Il live proposto sarà dunque un viaggio alternative folk rock, tra sonorità d’oltreoceano e richiami alla musica degli anni ‘90, mescolando le nuove canzoni con alcune delle più significative dei dischi precedenti.





IL SOGNO DELLA CRISALIDE



IL SOGNO DELLA CRISALIDE nasce nel 2013 da un’idea di Vladimiro Modolo autore di musiche e testi. Nel 2013 partecipa al concorso Hit Mania Awards superando le selezioni e pubblicando i brani “Immobile” e “Nelle mie lacrime”, all’interno della compilation di “Hit Mania next 2014”.

Nel febbraio 2014, pubblica il suo primo EP autoprodotto intitolato “Vie d’uscita” contenente 5 brani.

Ha all’attivo diversi live in diversi locali di a Roma, suonando come apertura ad artisti tra cui Stefano Rampoldi (Edda), Non Voglio che Clara, I sei ottavi. 

L’11 settembre 2015, esce, in anteprima su repubblica.it il secondo singolo intitolato “colpa della fame” e ispirato alla vicenda della morte del giovane geometra romano Stefano Cucchi con cui vince pochi mesi dopo il premio nazionale Augusto Daolio come miglior testo. Partecipa ai primi tre “memorial Stefano Cucchi” condividendo il palco con artisti del calibro di Giancane, Muro del Canto e Mannarino.

Il 22 marzo 2017, è uscito il primo disco intitolato “Vie d’uscita” preceduto dall’omonimo singolo (Foto copertina in allegato).

A ottobre 2020, è uscito il suo ultimo singolo “Migliori di così?” (foto copertina in allegato), ed è in previsione la realizzazione del secondo LP per l’autunno 2023.

Rassegna stampa:

https://video.repubblica.it/edizione/roma/colpa-della-fame-la-canzone-per-cucchi/211431/210581

https://www.antiwarsongs.org/artista.php?id=13596&lang=it&rif=1

https://www.corviale.com/index.php/vie-duscite-primo-album-di-vladimiro-modolo-un-ep-da-tenere-in-macchina/?print=pdf&print=pdf

http://www.slowcult.com/senza-categoria/la-musica-che-ci-ha-fatto-compagnia-nellemergenza-iosuonoacasa

https://www.sulpalco.com/page/49/

http://www.xtm.it/DettaglioEmergenti.aspx?ID=18245#sthash.OXgsTCbX.dpbs





LA NOCE

LA NOCE
LA NOCE
LA NOCE
LA NOCE



LA NOCE è una cantautrice originaria della provincia di Latina, polistrumentista e versatile cantante. Da bambina, appena dieci anni, si ritrova tra le mura dell’ associazione culturale “Quadrivum”, perdendosi nelle dolci melodie del pianoforte. Una curiosità innata la conduce a danzare sulle corde della chitarra e sul ritmo delle percussioni. 

Una volta compiuti i diciotto anni, la vita la chiama a Roma, e lei risponde, entrando nel coro “Musa Blues” come mezzo soprano. Come membro di questo gruppo, la sua voce risuona tra le mura del Palazzo dei Congressi, stregando migliaia di persone all’inaugurazione dell’Harvard WorldMun. 

Nel novembre 2015, si ritrova fianco a fianco con Roberto Ippolito, direttore editoriale della rassegna “Con Pasolini”, un evento nazionale commemorativo. Come musa, interpreta il repertorio musicale di Pier Paolo Pasolini, un omaggio che si fonde con l’essenza dell’intellettuale. Nel 2016, entra nell’orchestra Musa Jazz, un viaggio che arricchisce la sua anima musicale. 

Col passare del tempo, la sua voce risuona in diverse formazioni, fino a quando non nasce in lei l’urgenza di esprimere la sua stessa musica. Le sue canzoni, cariche di intimità e sincerità, intessute di sonorità electro-pop, esplodono in una voce potente e un’energia travolgente. Lavora al suo progetto artistico insieme a Matteo Gabbianelli, che ne cura la produzione e lo segue managerialmente. 

|| 26 aprile 2022 ha pubblicato il suo primo singolo intitolato “Libera”. 

Nel luglio 2022 ha vinto vari contest, tra cui “Radio Sonica Live Show”. 

Il 28 ottobre 2022 è stata nella line up di apertura al concerto di Rocco Hunt per il “Latina Music Festival”. 

Il 1 marzo 2023 è stata nella line up del concertone del primo maggio di Latina oltre che finalista per il contest “Primo Maggio dei Castelli”. 

Il 3 giugno 2023 ha aperto il concerto dei KuTso nella città di Marino, all’interno della rassegna “Boville Estate”. 

Il 13 luglio 2023 ha aperto il concerto di Amalfitano per la serata “Vespri Sonori” organizzata da Togethernetwork. 

|| 24 agosto 2023 ha vinto il premio “Meeting Music Contest” all’interno del Meeting di Rimini, dove è stata premiata personalmente da Morgan. 

|| 1 settembre 2023 si è classificata al terzo posto al concorso internazionale “Una Voce per l’Europa” 

|| 30 settembre 2023 è suo il primo posto nella prima edizione del “Dinamica Contest” svoltosi nella città di Rho. 

|| 7 ottobre 2023 è stata inclusa nella line up del prestigioso Festival delle etichette indipendenti “Mei” di Faenza, insieme ad artisti del calibro di Elisa e Nobraino.




ALCHIMISTA

ALCHIMISTA
ALCHIMISTA
ALCHIMISTA



DAVIDE LUSARDI, in arte ALCHIMISTA, è nato il 17 dicembre 1993 a Genova. Fin da bambino si avvicina al mondo della musica suonando il pianoforte e la chitarra, poi l’adolescenza con le band e infine il percorso da solista. Dopo la gavetta nei locali del genovese e la vittoria di alcuni contest nazionali Davide inizia il suo percorso da solista. Il singolo d’esordio è MATTO, pubblicato nel dicembre 2019 seguito da CANZONI DAL DIVANO, ep nato durante il periodo di quarantena in collaborazione col rapper Roccia e pubblicato nell’estate del 2020.

Poi l’uscita di OCEANO durante l’autunno e la partecipazione a Casa Sanremo 2021 con il singolo COME IN UN SOGNO, brano che ha raggiunto i 100K play su Spotify. Il nuovo singolo VERTIGINE, pubblicato l’11 marzo 2022, è il capitolo uno di un nuovo viaggio.

“Sono una persona molto riflessiva e con la musica riesco a esprimere ciò che vivo e ciò che penso. Mi piace scrivere testi introspettivi che raccontano la mia parte più intima che in pochi conoscono e in cui spero che molti si possano rispecchiare”.